Tag Archive | frammenti di vita

Giorno (dal #129 al) #134: Neve.

Oggi Tokyo si è svegliata così…

unnamed

Giornata ideale per….

Uscire a fare un bel pupazzo di neve, direte voi.

Sbagliato! Per stare in casa al calduccio e disegnare. 🙂

unnamed (1)

Advertisements

Giorni dal #32 al #52: 上智大学際 (Jōchi daigaku sai), o Sophia Festival

È da molto che non scrivo. Non mi sono assolutamente dimenticata dal blog, semplicemente sto trascorrendo tutte le giornate tra università, biblioteca e scrivania della mia stanza, per cui diciamo che non ho nulla di entusiasmante da raccontare. Così, ho deciso che rinuncerò a parlare solo delle mie – attualmente inesistenti – esperienze e cercherò di trattare anche alcune tematiche ispiratemi da ciò che vedo e sento in giro.
Avevo già appuntato sulla mia Moleskine diversi argomenti di cui trattare, ma il tempo non ha giocato a mio favore e alla fine, una settimana fa, è arrivato il giorno del Sophia Festival!

busg

Ogni anno i campus universitari giapponesi dedicano un weekend alla realizzazione di un festival interamente messo a punto dagli studenti e dai vari club ricreativi cui appartengono. La mia università, che quest’anno ha festeggiato il suo 101esimo compleanno – un secolo e non dimostrarlo affatto! – ha deciso di approfittare della Festa della cultura di lunedì 3 novembre (che in Giappone è  una festività nazionale) per fare ben quattro giorni di festival. Ahimè, ho potuto parteciparvi solo domenica, ma era una vita che desideravo prendere parte a un evento del genere e ne è valsa davvero la pena!

Il festival, come dicevo, è organizzato e tenuto interamente dagli studenti. Sono gli studenti che addobbano, cucinano, prendono parte agli eventi, li presentano, organizzano i giochi, promuovono le attività… trovo di grande ispirazione vedere così tanti ragazzi giovanissimi collaborare tutti insieme con passione per realizzare un evento di così grande portata, al quale faranno visita non solo gli altri studenti, ma anche persone del vicinato, famiglie, curiosi.
Tutte le vie del campus pullulavano di bancarelle di cibo: dai più tradizionali piatti da matsuri giapponese, ai tacos messicani o ai curry wurst tedeschi, fino ai dolci più disparati. Inutile dire che io non potevo mangiare nulla, ma anche solo guardare era una gioia per gli occhi! Tra la folla che si accalcava per le vie si facevano largo studenti urlanti con i loro cartelli, pronti a sponsorizzare l’attività del proprio gruppo, che si trattasse di una bancarella di cibo o di un concerto. E chi si lo dimentica più il ragazzo della bancarella di gelato fritto che urlava come un pazzo tutto presa dalla sua foga… Sono cose che, vi assicuro, almeno una volta nella vita meritano di essere viste!

IMG_3922

Uno dei gruppi che cantavano a cappella. Bravissimi!

Mentre sul palco centrale si alternavano spettacoli di danza, nella aule gli studenti si esibivano in piccoli concerti, organizzavano mercatini e improvvisavano dei piccoli café. Ce n’erano di ogni tipo: quello in stile giapponese, quello delle idol, il café in stile filippino, quello a tema filosofico e quello religioso – perché la mia è pur sempre un’università fondata dai gesuiti, nonché l’unica in Giappone ad avere una facoltà di teologia a indirizzo cattolico (non che la cosa mi faccia fare i salti di gioia, però…). Noi abbiamo scelto il Café del Mandolino, ed è stata proprio una scelta azzeccata! I ragazzi erano tutti bravissimi e anche la scaletta era interessante – senza contare che hanno suonato la mia amata “Moonlight densetsu” e solo per questo potrei amarli in eterno ♡. Durante la pausa abbiamo avuto modo di parlare un po’ con loro e una ragazza, gentilissima, ci ha anche fatto provare il suo mandolino. Ebbene sì, dovevo proprio venire fino in Giappone per provare a suonare il mandolino! Che ironia a volte la vita…
Tra gli altri vari spettacoli cui abbiamo assistito: il concerto del club di musica classica, di cui non mi intendo molto ma che ascolto sempre volentieri, e quello dei gruppi che cantavano a cappella. Quest’ultimo, in particolare , è stato estremamente piacevole, e penso di poter dire lo stesso anche per le mie accompagnatrici.

IMG_3930

Il Café del Mandolino

E con questo, posso dire definitivamente conclusa la mia vita sociale da qui a dicembre – anche se, a dire il vero, avrebbe dovuto concludersi oggi con il festival del dormitorio in cui vivo, peccato fossi chiusa in camera con la febbre.
Non credo avrò grandissime esperienze di vita da raccontare nel corso del mese che seguirà, ma sicuramente mi piacerebbe trattare alcuni dei temi che mi sono annotata nei giorni scorsi. Per cui abbiate fiducia, tornerò presto! (Non che qualcuno ci tenesse, ma insomma…)

Giorni #26 #27 #28 #29 #30 #31: 曇りのち、快晴。

IMG_3816

La vista dal terrazzo di una delle mense della mia università in una bella giornata di sole

Stamattina me ne stavo sdraiata sul letto, in attesa dell’ispirazione per alzarmi, e ascoltavo i suoni che provenivano da fuori. È così che mi sono resa conto, per la prima volta da quando sono qui, di non aver mai sentito i corvi.
Per me è sempre stata una prerogativa della vita in questo paese: la mattina alle cinque e mezza la stanza è illuminata a giorno e i corvi si danno al pazzo gracchiare. Ma quest’anno, in questo luogo, sembra non essere così. A ben pensarci mi è anche capitato piuttosto di rado di vederne, forse solo una o due volte. Eppure ricordo scene oltre il limite dell’incredibile dalle mie passate esperienze.
Che strano, sembra che questa volta sia davvero tutto diverso. O per lo meno, sembra che così voglia apparire ai miei occhi. La mia mente, forse troppo deviata a causa dei film Disney e di Sailor Moon, preferisce interpretarlo come un segno.

曇りのち、快晴 (Kumori nochi, kaisei) è il titolo di questo post. Non doveva essere questo inizialmente, volevo scegliere un titolo che celebrasse il mio primo mese in Giappone – che si compie proprio oggi – ma come mi sono messa a scrivere, le parole sono affiorate alla mia mente e ho pensato che rispecchiassero perfettamente il mio stato d’animo.
Kumori nochi, kaisei” significa letteralmente: “Dopo le nuvole, il sereno“. In Giappone c’è anche una canzone che porta questo titolo, e dentro di me ho subito iniziato a canticchiarne il testo:

Ora stai superando impacciata
giorni pieni di rimorsi,
ma domani soffierà un vento diverso da quello di oggi

Sbatti i piedi!
Cambia i giorni che si limitano ha scorrerti davanti
nel “presente” che sogni,
se provi a fare un passo avanti anche il paesaggio cambierà
la tua felicità è nelle tue mani

IMG_3803

Un piccolo scorcio del solitamente nascosto Monte Fuji, anche se quel giorno era ancora privo della sua classica cima innevata

Quest’ultima settimana sembra aver desiderato lavorare con tutte le sue forze per darmi una piccola spinta. In questi giorni fatti di cielo sereno, sfoghi e riposo, incontri più o meno programmati e belle notizie, ho l’impressione di aver finalmente capito l’errore che stavo commettendo: ossessionata dal pensiero di dover portare a termine con successo il mio scopo, stavo invece rischiando di perderlo di vista.
Ora so che devo prendere le cose più a cuor leggero, anche se essendo tendenzialmente ansiosa per natura non sarà certo facile, e forse anche questo blog – che stava colando a picco negli abissi della noia – potrà finalmente riprendersi. ^^

IMG_3838

Una piccola festa di compleanno improvvisata ^_^

Chiedo scusa a tutti i miei lettori.

A presto!

Giorni #21 #22 #23 #24 #25: Doveva essere un post sul Tokyo National Museum…

IMG_3707

Tokyo National Museum

Quasi un’altra settimana è trascorsa. Tra università e preparazione per la certificazione linguistica, devo ammettere che la mia quotidianità non è poi così avvincente. Sto facendo progressi però: il primo test in classe è andato alla grande e la mia testa si sta finalmente sistemando per bene sulle spalle dove dovrebbe stare.

Sabato, V. – la mia compagna di banco russa – mi ha invitata ad andare con lei al Tokyo National Museum. Il museo aveva decretato questo giorno come il 留学生の日 (ryūgakusei no hi, il giorno degli studenti stranieri): bastava presentare il tesserino studentesco allo sportello e ti davano un adesivo da attaccare sul petto con il quale era possibile entrare gratuitamente.
Ero già stata a questo museo una volta nel lontano 2006, e poi ancora nel 2009, ma è molto interessante e le collezioni cambiano spesso; e poi non si dice mai di noi a un ingresso gratis a un museo!

IMG_3736

Lettere in giapponese antico, un giorno riuscirò a leggervi!

Non ricordo con esattezza quando ho iniziato ad appassionarmi al Giappone classico, ma è stato senza dubbio in tempi recenti.
Da bambina, molto banalmente, ho iniziato a interessarmi a questo paese attraverso i manga. E proprio i manga, devo ammetterlo, mi hanno cambiato la vita: grazie a loro ho iniziato a disegnare e a scoprire pian piano questo paese lontano e così affascinante – ricordo che alle medie tenevo un piccolo quaderno dove raccoglievo tutti i ritagli di giornali, foto, informazioni e curiosità riguardanti il Giappone. A ben pensarci, quel quaderno lo conservo ancora.

Dopo i manga arrivò il jpop, la musica pop giapponese. Ricordo ancora le prime due canzoni che ascoltai, scaricate completamente a caso da internet: “The peace!” delle Morning musume e “First love” di Hikaru Utada  – che, ricordiamolo, ha da poco sposato un italiano di dieci anni più giovane di lei.
E poi arrivò lei: Ayumi Hamasaki, la popstar giapponese per antonomasia, lei nelle cui parole riuscivo sempre a ritrovare me stessa; lei grazie alla quale, spinta dal desiderio di poter comprendere alla perfezione i bei testi delle sue canzoni, che fino a quel momento avevo soltanto trovato tradotte in inglese in giro per la rete, ho finalmente scelto di studiare giapponese. Grazie a lei, ho scoperto la bellezza e l’eleganza di questa lingua meravigliosa; grazie alla musica giapponese, ho conosciuto il ragazzo con cui sto da nove lunghi anni.
Ad oggi, il mio interesse per la musica giapponese è quasi del tutto svanito, lasciando solo lei: lei che continua a tenermi compagnia con la sua musica e le sue parole, lei che è una fonte d’ispirazione senza pari, lei che ho visto in concerto e mi ha emozionata tantissimo, lei che ho avuto modo di conoscere di persona e che ha fatto per me una cosa che mai mi sarei potuta aspettare.
Non sono una persona costante, i miei interessi tendono a cambiare continuamente e anche in questo caso è stato lo stesso, solo una cosa non è mai cambiata nella mia vita: l’amore incondizionato per il Giappone, sempre a fare da sfondo a ogni mia passione.

IMG_3740

Alcuni dei kimono

Ma quando ho iniziato a interessarmi al Giappone antico? Di certo l’università mi è stata molto d’aiuto: mi ha fatta appassionare alla lingua, innamorare del mio libro preferito, scoprire quanto mi diverta tradurre e che, in fondo, non lo faccio nemmeno male. Eppure non avevo mai pensato di approfondire.
Credo sia stato proprio traducendo i testi delle canzoni di cui sopra che ho iniziato a riconoscere e apprezzare le tematiche e caratteristiche della poetica giapponese, per poi andarle a riscoprire all’interno della letteratura stessa. Più leggevo e più rimanevo affascinata dalle immagini e dal sentimentalismo che scaturivano da quelle pagine. E di certo, l’essermi trovata a lavorare in un ambiente così superficiale e materialista, in un periodo in cui tutto ciò che leggevo non faceva che suscitare in me stupore nei confronti della bellezza della lingua giapponese e ammirazione per la grazia delle sue immagini e figure, ha di certo contribuito a far accrescere in me il desiderio di riscoprire questo mondo per salvarmi da quell’altro, che mi stava logorando. E in un certo senso ce l’ha fatta. Come dicevo un po’ di tempo fa: dopotutto anche quel lavoro che tanto odiavo è servito qualcosa!

E insomma, questo voleva essere un post dedicato al Tokyo National Museum, ma il tempo vola e io – chi l’avrebbe mai detto! – ho ancora molte cose da preparare per domani. Il terribile tifone che era previsto tra stanotte e domani mattina sembra si stia per abbattere giusto ora su Tokyo; questo mi fa dedurre che domani sarà già tutto passato e l’università non sospenderà le lezioni, e che è quindi il caso che mi metta sotto di buona lena.

Il museo, ad ogni modo, era bellissimo come lo ricordavo; forse anche di più, perché questa volta l’ho guardato con occhi diversi. Dagli haniwa alle ceramiche e utensili di uso quotidiano, i kimono e i costumi teatrali, le stampe ukiyoe e le armi e armature dei samurai, pannelli illustrati, lettere e scritti buddisti; un viaggio attraverso la storia del Giappone e delle sue meraviglie dall’antichità all’era moderna. Imperdibile!

Vi lascio con l’immagine della poetessa Ono no Komachi, stampata su una cartolina che ho comprato al museo.

rokkazen_zu

Omohitsutsu
nureba ya hito no
mietsuramu
yume to shiriseba
samezaramashi o

(Quando mi sono addormentata pensando a lui, è apparso. Se avessi saputo che era un sogno, non mi sarei svegliata.)

Giorni #16 #17 #16 #19 #20: Teatro Nō e altri racconti (?)

Foto 05-10-14 12 12 38Quando ti svegli la mattina ed esci dimenticandoti a casa il pranzo, il treno che ti sta portando all’università si ferma all’improvviso a una fermata dalla tua a causa di un disperato che ha deciso di porre fine alla sua vita, e per quello che ti dovrebbe riportare a casa – quattro ore dopo – hanno bloccato l’ingresso ai binari a causa di un secondo disperato… Beh, diciamo che non è proprio la tua giornata.
Almeno sono riuscita a trovare un po’ di tempo per aggiornare il blog – non è vero, in realtà dovrei essere sui libri in questo momento e studiare per il test in classe di domani, ma ho bisogno di riposare il cervello per un’oretta.

Sono tre giorni che mi riprometto di scrivere, ma alla fine non ci riesco mai. Anche lunedì, quando un tifone ha deciso di graziarci della sua visita, così da far sospendere tutte le lezioni in programma per la giornata, alla fine non ho praticamente mai staccato gli occhi dai libri.
Lo so, detta così sembra che io sia una super secchiona e stia sempre a studiare; la verità è che per quanto tempo trascorra sui libri, non mi basta mai per arrivare alla fine di tutto quello che devo fare. E sì, ammetto che la cosa mi faccia sentire un po’ stupida.

Foto 05-10-14 12 49 12

Nō National Theatre

Ma lamentele a parte, domenica pomeriggio sono andata a vedere per la prima volta in vita mia il Teatro Nō!
Mi piacciono molto tutte le varie forme teatrali: dai musical all’opera, agli spettacoli solamente recitati e alle danze. Ma, per quanto li abbia più volte studiati in ambito universitario, non avevo mai visto uno spettacolo teatrale giapponese. Certo, il Nō non era forse la scelta più azzeccata per una prima volta, ma da amante dei classici quale sono non mi sarei certo potuta tirare indietro!

Già una settimana prima un amico mi aveva detto di avere la possibilità di prendere dei biglietti gratuiti per uno spettacolo al Nō National Theatre, e così ho accettato subito l’invito.
L’intera rappresentazione è durata quattro lunghe ore, alternando due spettacoli di vero e proprio a due di Kyōgen. Lunghe ore, ci tengo a precisarlo, perché il Nō è notoriamente molto lento e totalmente privo di dialoghi comprensibili. Scopo della recitazione – così come dei testi, a voler esser precisi –  non è infatti quello di trasmettere un messaggio diretto, bensì quello di lasciar libera l’interpretazione allo spettatore.
Mi viene dunque spontaneo chiedermi a cosa fosse dovuta la scelta di molti genitori di portarci i bambini, che come prevedibile si addormentavano subito. Ma anche tra gli adulti, detto tra noi, più di qualcuno è finito col passare ben presto al mondo dei sogni. Cosa abbastanza comprensibile in realtà, e anch’io (ahimè) ho avuto dei momenti in cui sentivo crollare la testa, ma il sonno non mi ha avuta. 🙂

2b1ccc5346010a859c62c78e2f984f611db31914_tn482x298

(foto presa da www-timeout.jp) L’interno del Nō National Theatre

I siparietti di Kyōgen, in uno spettacolo così lungo, sono una manna dal cielo, in quanto si lasciano seguire a cuor leggero e anche i dialoghi sono facilmente comprensibili. Ma quello che ho davvero apprezzato nel Nō sono state la grazia e l’eleganza propri dei movimenti lenti ed essenziali – studiati in ogni minimo dettaglio – degli attori, così come l’accompagnamento musicale, fatto di strumenti a fiato e a percussione. La particolarità di questi strumenti è quella di non essere in sintonia fra loro, non vanno a tempo, ma ognuno segue un proprio ritmo; detta così l’idea che ci facciamo è quella di caos e confusione generali, in realtà i suoni riescono a fondersi perfettamente fra loro e il risultato è sorprendente.
Meravigliosa è anche la scena finale di ogni spettacolo con l’apparizione della divinità, quella tanto enfatizzataci dal nostro insegnante a lezione di teatro giapponese a Venezia. Nonostante ne abbia viste numerose in video, assistervi dal vivo è tutta un’altra cosa: l’energia che riesce a trasmettere con la danza frenetica, quasi isterica, e il ripetuto e assordante sbattere dei piedi, in quello che si presenta come uno spettacolo così lento e pacato, è impressionante. Mi ha davvero emozionata.

Alla fine, scelta azzeccata o meno, sono felice di aver avuto modo di fare quest’esperienza. Il prossimo sarà senza ombra di dubbio il Kabuki!

Prometto che nel weekend risponderò ai vostri commenti e passerò dai vostri blog, abbiate pazienza ma il mio cervello in questi giorni rischia di esplodere (infatti potrei benissimo aver scritto qualche castroneria nel corso del post, rileggerò anche lui a mente lucida). A presto!

Giorni #4 #5 #6 #7 #8: Burocrazia.

Foto 26-09-14 11 26 53

Splende il sole. Ogni tanto è nuvoloso. Fa caldo, sempre. E il peso sulla coscienza non accenna ad affievolirsi.
Ho finalmente iniziato a mangiare. Ho finalmente iniziato a dormire. Ho letto un bel libro. E il peso sulla coscienza non accenna ad affievolirsi.
Ho conosciuto molte persone: due ragazzi americani, due ragazzi e una ragazza indonesiani, due ragazze francesi, una ragazza canadese e una tedesca, un ragazzo norvegese, tre ragazze giapponesi e una cinese. È bello vivere in mezzo a così tante persone di diverse nazionalità: ti fa sentire più libero, ti fa sentire più forte. Eppure il peso sulla coscienza non accenna ad affievolirsi.
Sono stati giorni di corse, spese, burocrazia, guida a quella o quell’altra cosa, carte e firme, firme, firme. E il peso sulla coscienza è sempre lì, irremovibile, ineluttabile, pesante come un macigno. Devo solo trovare il modo di tramutarlo in forza…

Mi scuso per essere poco presente e un po’ criptica in questi giorni, purtroppo non sta succedendo moltissimo. A breve inizieranno le lezioni e, non appena mi sarò sistemata a dovere, avrò certamente molte cose da raccontare.
Intanto sono usciti i risultati del primo test di giapponese: livello avanzato! È già un buon punto di partenza, no?

Di come sono finita qui. Ovvero: come e perché ho scelto di partire per il Giappone.

Credo sia giunto il momento di raccontare cosa mi abbia spinta a tornare all’università a *coff* vent’anni *coff* e dare il via a quest’avventura.

Presi la laurea triennale in Lingue e Culture dell’Asia Orientale nel 2007 e mi iscrissi subito al biennio successivo. Ciononostante, non ero sicura di aver fatto la scelta giusta: non mi sentivo pronta per ricominciare a studiare, non avevo la forza di volontà né la maturità necessarie per mettermi a scrivere una tesi di laurea (una vera, non la paginetta in giapponese che avevo dovuto scrivere per la triennale), volevo vedere cose nuove, viaggiare e fare esperienze. Mi ritirai poco dopo e nel 2009, dopo aver lavorato e messo da parte un po’ di soldi, partii: destinazione Giappone.

bandiera-giapponese (1)

Avevo sempre amato il Giappone, fin da piccola: avevo familiarizzato con le sue stranezze attraverso i manga; apprezzato il fascino della lingua con le canzoni di Ayumi Hamasaki e dei L’Arc~en~Ciel; adorato la letteratura e la filosofia grazie alle lezioni universitarie; mi ero innamorata dei suoi paesaggi e delle sue attrazioni tre anni prima quando, insieme ad alcuni compagni di corso, vi avevo trascorso alcuni mesi, tra poco studio e molti divertimenti. Ma questa nuova esperienza seppe insegnarmi molto di più: imparai a conoscere veramente il paese che avevo sempre amato, nel bene e nel male; iniziai a capire il suo popolo e a comunicare con le sue persone; ebbi la meravigliosa opportunità di vivere a stretto contatto con persone provenienti da ognuno dei cinque continenti e confrontarmi con loro, le mie amiche Y. (taiwanese), K. e S. (coreane) su tutti. Ma soprattutto, potei assaporare pienamente la bellissima sensazione di sentirsi “straniero in terra straniera“. Sì, avete capito bene: adoro vivere in un paese straniero con la consapevolezza che non sono gli altri ad essere diversi, ma sono io; apparire così visibilmente “estranea” e dimostrare di sapermi integrare e adattare alla vita e alle regole altrui, di volerle capire, mi trasmette un senso di serenità. Mi sento semplicemente a mio agio, ed esattamente nel tipo di situazione in cui la maggior parte delle persone tenderebbe a sentirsi a disagio; che ci vogliamo fare, a ognuno il suo.

Quando, a distanza di un anno, tornai in Italia, dovetti scontrarmi con l’immenso vuoto lasciato da quella che era diventata “la mia realtà speciale” e che improvvisamente non lo era più, e non fu facile. Certo, ero felice di poter rivedere la mia famiglia, gli amici e il mio ragazzo, eppure sentivo che mi mancava qualcosa.  Ogni notte sognavo di ritornare a Tokyo, ma non si trattava di “un altro viaggio”; in ogni sogno che facevo venivo in Italia per salutare i miei cari, con la certezza di far ritorno dall’altra parte del mondo di lì a poco, e così facevo. Tornavo sempre, e tornavo sempre nella stessa città, nella stessa casa, allo stesso lavoro part-time, insieme alle stesse persone che mi avevano tenuto compagnia in quei dodici mesi.
L’essermi sentita sempre fuori luogo nel piccolo paese in cui sono nata e cresciuta, l’averlo sempre, per tutta una vita, desiderato abbandonare, senza dubbio non mi fu d’aiuto. Come di certo non aiutarono i numerosi problemi di salute con cui dovetti fare i conti a quel tempo, impossibilitata a dedicarmi a qualsiasi altra cosa.

Mi ci vollero quasi due anni per riprendermi, e fu allora che decisi di partire per Londra. Sentivo che non potevo stare dov’ero, che dovevo tentare qualcosa per dare una svolta alla mia vita, e forse la grande capitale sarebbe potuta essere la scelta ideale.
Così non fu. Amavo Londra, e i pochi mesi che vi trascorsi mi aiutarono a innamorarmi del popolo inglese; tuttavia, c’era qualcosa che non andava. Sentivo la mancanza del mio ragazzo e della mia famiglia come non mi era mai successo prima, e forse iniziavo a rendermi conto che partire per un luogo casuale, per fare un lavoro qualsiasi al solo scopo di mantenermi in vita, nella speranza di poter un giorno “fare di meglio”, non era una scelta così interessante come si mostrava inizialmente. Di certo, non valeva la pena sacrificare tutto per questo.

In quel periodo trovai lavoro in Italia. Non era il lavoro della mia vita, per dirla tutta era un lavoro che non avrei mai voluto fare, ma contavo di liberarmene il prima possibile. La cosa veramente importante era che mi sarei trasferita a vivere con il mio ragazzo, e che questa stabilità avrebbe potuto giovarmi in qualche modo.
Ancora una volta mi sbagliai. Quel lavoro rappresentò per me una croce più grande di quanto sarei mai riuscita a portare sulle spalle, e più le persone che mi circondavano mi dicevano quanto fossi stata fortunata, più mi sembrava di sprofondare in un baratro senza fine.
Il tempo passava, il lavoro sembrava avviarsi sempre più verso qualcosa di duraturo e anche liberarsene non si dimostrò facile come speravo. Per me, che avevo sempre amato scrivere, disegnare, fantasticare su cosa vivesse e che forme avesse l’universo al di là del nostro sistema solare, ritrovarmi a fare un lavoro che mi vedeva ferma in piedi per delle ore a ripetere le stesse parole come un robottino, insieme a colleghi che: “Ma «I miserabili» non era qualcosa tipo… un libro?”, no, quella non poteva essere la vita che mi si prospettava davanti. Non era questo che avevo sempre immaginato. E intanto vedevo i miei amici fare le cose che amavano ed esserne felici, mentre io, ogni giorno che passava, sentivo sempre più di aver fallito tutto nella vita, di aver rovinato tutto e di averlo fatto con le mie mani. Fu un periodo terribile, ero depressa, sempre nervosa, e tutto questo non faceva che minare il rapporto con il mio ragazzo, che si andava via via deteriorando.
Ci pensai a lungo. In quei giorni, mi rifugiavo nei libri, nelle canzoni, nei libri di storia, nelle storie altrui; cercavo di capire cosa non andasse e cosa avrei dovuto correggere. Per almeno dieci anni avevo sempre continuato a dire che avrei voluto lavorare con il giapponese, ma quando mi chiedevano cosa effettivamente avrei voluto fare mi rendevo conto di non avere una risposta concreta. Finalmente la trovai, e mi resi conto di averla sempre avuta davanti agli occhi.

Godzilla_con_la_cartina_geografica_del_Giappone

La foto non c’entra, ma mi sembrava semplicemente divertente. Presa da http://nonciclopedia.wikia.com

A settembre ho ripreso l’università (il biennio magistrale), consapevole che questa sarà la mia ultima possibilità. So che quello che voglio fare richiede impegno, e un bel po’ di studio sul campo; non sarà facile, soprattutto dal punto di vista economico, ma ho scelto di farmi carico di ogni responsabilità e tentare tutto ciò che è in mio potere.
E così ho iniziato a studiare con tutte le mie forze, sono riuscita a superare tutti gli esami del primo anno con il massimo dei voti (cosa inimmaginabile per la me stessa di qualche anno fa), ho partecipato a un bando che proponeva scambi con alcune università giapponesi e sono stata selezionata con il punteggio più alto, e un paio di settimane fa ho ricevuto la conferma di una borsa di studio da parte di un ente giapponese.

Ogni tanto ci ripenso. Ho odiato davvero molto quel lavoro, ogni singolo giorno per me era uno strazio, nemmeno la relativamente buona busta paga riusciva a consolarmi; l’ho odiato così tanto che il mio cervello sembra averlo quasi completamente rimosso, come una macchia cattiva da lavare via. Di una cosa soltanto sono esso grata: di avermi aiutata a crescere e a trovare il coraggio di reagire, di provare a fare quello che davvero voglio fare.
Giusto ieri mi è arrivata la lettera di accettazione da parte dell’università che mi ospiterà. Negli undici mesi che vi trascorrerò, voglio approfondire la lingua moderna, così come studiare la letteratura e la lingua classiche. Da domani, mancheranno soltanto due mesi alla partenza!